'Figure contro', foto della differenza

Tradurre la fotografia da strumento di pura constatazione a strumento critico, di denuncia ma anche di riflessione, utile ad una presa di coscienza di quello che è la società italiana in pieno boom economico. Bianco e nero, aspetti ostentati ma anche culture e umanità rimosse, vite condotte all'insegna della differenza, della non omologazione, della sofferenza come della spontaneità e della naturalezza. E' 'Figure contro. Fotografia della differenza', mostra in programma dal 21 aprile al 30 settembre all'Abbazia di Valserena a Parma, promossa dal Centro studi e comunicazione (Csac) dell'Università di Parma e curata da Paolo Barbaro, Cristina Casero e Claudia Cavatorta. La mostra - con immagini di Giordano Bonora, Anna Candiani, Carla Cerati, Mario Cresci, Uliano Lucas, Paola Mattioli e Giuseppe Morandi - consente di 'vedere' come la fotografia, soprattutto negli anni '70, abbia avuto un ruolo importante nel sensibilizzare le coscienze intorno a questioni nascoste, dimenticate, se non censurate.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Piacenza 24
  2. Piacenza 24
  3. Il Piacenza
  4. Il Piacenza
  5. La Gazzetta di Parma

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Morfasso

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...